I camalli genovesi hanno vinto: i generatori destinati alla Guardia nazionale saudita saranno trasferiti dal porto via terra, per essere caricati altrove, presumibilmente all’estero. Si tratta dei macchinari lasciati a terra dai portuali un mese fa per protestare contro la vendita di armi all’Arabia, protagonista della guerra nello Yemen. Dopo quell’episodio l’azienda produttrice, la romana […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sampdoria, chiesto il processo per Ferrero “Viperetta”, la figlia, il nipote e i soci

prev
Articolo Successivo

Prima prova. Dalla poesia alla cronaca

next