Favoreggiamento e falsa testimonianza. Questi i reati per cui è indagato l’ex comandante della Stazione dei carabinieri di Ladispoli Roberto Izzo sugli sviluppi relativi alla morte di Marco Vannini, il ragazzo di 22 anni ucciso da un colpo di pistola la notte del 17 maggio 2015 nella casa della sua fidanzata a Ladispoli. La notizia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

L’appello del capitano Carola: “Fate presto! Questi 43 migranti devono sbarcare subito”

prev
Articolo Successivo

Trump, dopo quattro anni la “cattiva” è sempre Hillary

next