Banale, stereotipata, anche un po’ marchettara. È la radio, bellezza. “Però noi facciamo solo il nostro lavoro, chi meglio chi peggio. Dobbiamo stare sul mercato, fare ascolti, non è semplice. Ma dietro non c’è nessun complotto, potete stare tranquilli tutti”. Pure De Gregori. Il cantautore nel suo ultimo concerto a Caracalla ha riaperto il dibattito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il “grande talento” che tutto il mondo ci ha invidiato

prev
Articolo Successivo

Viaggio in Italia sulle tracce della “dittatura del maschio”

next