L’ex capo del personale del Campidoglio Raffaele Marra “avrebbe dovuto astenersi” nelle procedure che portarono il fratello Renato alla nomina (poi revocata) a capo della direzione Turismo del Comune di Roma. Ma tutto questo per i pm di Roma non avvenne, tanto che ieri hanno chiesto la condanna di Raffaele Marra a 2 anni di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Mora

prev
Articolo Successivo

Una civile e una militare: il dilemma della doppia commessa identica per i sauditi

next