Terni è stata la città dei metalmezzadri. Le acciaierie erano la colonna vertebrale, la carta d’identità di un ceto operaio che veniva dalla terra e alla terra ritornava dopo il lavoro in fabbrica e i turni massacranti alle presse. Rossa così tanto da apparire inespugnabile, stava per finire nelle mani dei Cinquestelle quando, all’improvviso, giunse […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

fatto a mano

prev
Articolo Successivo

Soldi, esuberi e il nodo Nissan. Perché Parigi fa scappare Fca

next