Vienna, fine giugno del 2013. Per la prima volta viene proiettato Rush, le cui riprese erano appena terminate. Il film è su Lauda. Ma è anche sul grande rivale James Hunt. Sulla loro sfida perfetta, sulla Formula Uno quando ancora i piloti contavano più delle monoposto. E sugli anni Settanta: quelli da bere, il tempo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

C’era una volta a Hollywood l’amore di Tarantino

prev
Articolo Successivo

Gli orsi erano stranieri in Sicilia

next