Se prima di domenica c’era qualche dubbio che l’Unione Europea non fosse alla canna del gas, la finale dell’Eurofestival li ha fugati alla grande. Dici Europa e non sai cosa vedi, tanto meno sai cosa ascolti. I confini si sono fatti di anno in anno più creativi. C’è Israele (quest’anno paese ospitante, come se a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il “Puro desiderio” di Teresa, gatta dispettosa

prev
Articolo Successivo

La Cattiveria

next