L’occasione c’era. Con l’Avvenire che scaglia fendenti contro la feroce politica anti-immigrati di Matteo Salvini, Civiltà Cattolica e Famiglia cristiana che lo accusano di strumentalizzare il rosario e il Vangelo come se fossero oggetti di marketing, cosa c’era di meglio di una bella visita al Viminale del cardinale elemosiniere Konrad Krajewski, uomo di fiducia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Toh, per sgonfiare il pallone gonfiato basta la democrazia

prev
Articolo Successivo

La farsa Marini continua (con la manina dei renziani)

next