Dopo due anni di commissariamento si torna al voto a Castelvetrano, la città nota per aver dato i natali al capo di Cosa nostra e da più di 40 anni superlatitante, Matteo Messina Denaro detto Diabolik. Domenica i castelvetranesi potranno scegliere se affidarsi al 5stelle Vincenzo Alfano oppure a Calogero Martire, appoggiato da liste civiche. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Sicilia e il derby senza scontri M5s-Lega: ai ballottaggi prova di “scambio” gialloverde

prev
Articolo Successivo

Fatto a mano di Natangelo

next