Nino Di Matteo non pronuncia il nome di Armando Siri, ma il problema lo affronta: “Ho apprezzato la decisione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte di dare una valutazione politica di comportamenti di membri del governo, a prescindere dalle valutazioni giudiziarie. La magistratura fa le sue inchieste, con i suoi tempi, ma intanto la politica […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Il caso Siri non ci farà cadere. Ora meno annunci e balconi”

prev
Articolo Successivo

La Lega abbassa i toni

next