“Nei giorni in cui scrivevo ‘Complimenti ignoranti’ ho pubblicato un tweet su Mattarella, mentre si stava formando il governo. Sono stato subissato di commenti della serie: ‘Continua a cantà, nun fare altro’. Me ne sono pentito – la sintesi non è il mio forte – ma mi è servito per descrivere, in modo ironico, un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Il doppio bluff di Juan Guaidó nella partita tra Usa e Maduro

prev
Articolo Successivo

Anche i cowboy si lavano i denti e amano mammà

next