Già nel 2018 il fatturato dei locali era calato del 60% per gli eccessi della ‘movida’: “Ma dopo Desirée – dice Daniele Brocchi della Fiepet (associazione di Confesercenti) – le vendite sono scese ancora, almeno del 30%”. Ecco la lista dei locali che hanno chiuso: “Il cappellaio matto”, “Mamarò”, “Na’Biretta”, “Mozzico”, “Il pulcino ballerino”, “Mangiarte”, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Roma, fuga da San Lorenzo: nel deserto resta lo spaccio

prev
Articolo Successivo

Famiglie che scoppiano “Malata per colpa dei miei, col tempo mi vendicherò”

next