A fari spenti. Ma la trattativa per incoronare Mina direttrice artistica di Sanremo n. 70 procede. Uno studio legale sta mediando tra la richiesta della Tigre di avere totale libertà di manovra e della Rai di garantirsi un risultato accettabile sulla “visibilità” dell’elusiva vocalist. L’ipotesi era nata dopo una non casuale dichiarazione di Massimiliano Pani. Un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Non sono affatto una diva. Presto farò la regista e temo la cicoria tra i denti”

prev
Articolo Successivo

Alla ricerca del tempio perduto: riapre il sito turco di Gobekli Tepe

next