I leghisti frequentano la sua casa in Vaticano e dialogano con venerazione col cardinale Raymond Leo Burke, porporato americano tra i più conservatori, antagonista per eccellenza di papa Bergoglio. Il mondo di Burke è così stretto, e così leghista, che ha affascinato Matteo Salvini e pure Paolo Arata, già deputato di Forza Italia, una sorta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Lo strano fascioleghismo pontino nato dentro l’Ugl

prev
Articolo Successivo

“Federico è un nostro buon amico da anni”

next