Fascioleghismo allo stato puro. E che viene da lontano, talvolta tra sangue e dolore. Lo zio di Francesco Zicchieri, deputato salviniano, si chiamava Mario. Venne ammazzato dai brigatisti nell’ottobre del 1975, davanti alla sezione missina del Prenestino, a Roma. Aveva sedici anni ed era soprannominato “Cremino”. I suoi assassini sono rimasti ignoti. Quasi mezzo secolo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Depositata l’intercettazione in cui Arata parla di Siri

prev
Articolo Successivo

Arata, Salvini e la passione comune per il cardinal Burke

next