A cosa servono i classici, oltre ad arredare la libreria di casa? A conversare, a brillare nei salotti, a cuccare: amici, colleghi, vicini, parenti, serpenti. Oggi soprattutto ché è la Giornata mondiale del libro: l’Unesco la celebra dal 1996 ogni 23 aprile in omaggio a Cervantes, de la Vega e Shakespeare (morti in questa data). […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’arte senza spine che piace a tutti

prev
Articolo Successivo

“I trapper? Pure il mio salumiere allora sa cantare”

next