“La mia musica è biologica, coltivata in modo naturale, senza concimi chimici. E se viene un poco storta non me ne fotto”. Così descrive la propria musica Enzo Gragnaniello, che il 26 aprile prossimo torna con un nuovo album, Lo chiamavano vient’ ‘e terra (Arealive, 2019). “Era il nome con cui mi chiamavano da bambino […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Prontuario per fare bella figura nella Giornata del Libro

prev
Articolo Successivo

Homecoming, non chiamatela solo Beyoncé

next