“I trapper? Pure il mio salumiere allora sa cantare”

Enzo Gragnaniello - Il cantautore si autoproduce: “Non voglio padroni”
“I trapper? Pure il mio salumiere allora sa cantare”

“La mia musica è biologica, coltivata in modo naturale, senza concimi chimici. E se viene un poco storta non me ne fotto”. Così descrive la propria musica Enzo Gragnaniello, che il 26 aprile prossimo torna con un nuovo album, Lo chiamavano vient’ ‘e terra (Arealive, 2019). “Era il nome con cui mi chiamavano da bambino […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.