Homecoming, non chiamatela solo Beyoncé

Un album e un doc sui due concerti che celebrano l’afro-americanità
Homecoming, non chiamatela solo Beyoncé

Definire “epocale” il concerto di Beyoncé al festival di Coachella dell’anno scorso – ribattezzato “Beychella”, tanto per capirci – è peccare di understatement. Così come è limitativo considerare la trentasettenne afroamericana una “cantante” come le altre. Quello della signora Knowles-Carter è ormai un progetto artistico totale, la sua una visione onnicomprensiva nella quale gli aspetti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.