Una poltrona per due o meglio due poltrone per due unità operative anziché una. Non è uno scioglilingua, ma lo strano spacchettamento e depotenziamento dell’Unità operativa complessa (Uoc) di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale Grassi di Ostia (Roma). Un caso sui generis, dal momento che, normalmente, in tutti i nosocomi italiani esiste una singola Unità operativa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Viva i pensionati!” La famiglia Fatuzzo ora punta l’Europa

prev
Articolo Successivo

“La casta si sconfigge pensando solo ai pazienti”

next