Per confezionarsi uno pseudonimo Amantine Aurore Lucile Dupin storpiò il nome del suo toy boy (George Sand); Simona Sparaco invece si è ispirata ai due figli, vincendo, con il nom de plume di Diego Tommasini e il romanzo inedito Nel silenzio delle nostre parole, la prima edizione del DeA Planeta. Il 14 maggio la casa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“La danza non è una scelta Putin? Un uomo sincero”. Un ribelle di nome Sergei

prev
Articolo Successivo

Deproducers, musica al servizio della scienza

next