Il primo è un produttore da Oscar. L’altro era un regista e un intellettuale irregolare. Ma non è solo il comune amore per il cinema ad aver fatto incrociare le loro storie: ci ha messo lo zampino pure una certa passione per la politica che li ha portati in Parlamento pressoché negli stessi anni. E […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La carica dei ricorsi regionali contro il taglio ai vitalizi d’oro

prev
Articolo Successivo

Libia, Haftar prepara la battaglia di Tripoli. Serraj furioso, ma Misurata per ora si astiene

next