La scena che segue potrebbe rappresentare, se non il presente, il futuro del giornalismo. “Il tassista vede il suo passeggero scrivere su un portatile: ‘Che lavoro fa, lei?’. ‘Il giornalista’. ‘Ah, interessante…io leggevo sempre prima’. ‘Prima quando?’. ‘Prima, non so dirle, adesso è diverso’. ‘E cosa c’è di diverso?’. ‘Che quando leggo mi sembra di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Carmelo Bene e Demetrio Stratos: il “corpo della voce” in mostra a Roma

prev
Articolo Successivo

Facce di casta

next