Archiviato il fatidico congresso mondiale delle famiglie di Verona (un fritto misto di clericali di destra anti-Bergoglio, ortodossi, evangelici ed ex quaccheri), non si ferma la competizione tra Salvini e Di Maio all’interno della maggioranza gialloverde. Dopo aver definito “sfigati” i congressisti veronesi, il vicepremier grillino ha deciso di avviare una strategia dell’attenzione verso la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il Viminale blocca la Sea Eye, la nave non va a Lampedusa

prev
Articolo Successivo

Sui truffati Tria non molla. Ora dovrà mediare Conte

next