Il M5S vuole il voto digitale: dove funziona e dove no

Innovazione? - Dalla Germania agli Usa, sono state dimostrate criticità di sicurezza e costituzionali. È più efficace per le consultazioni locali
Il M5S vuole il voto digitale: dove funziona e dove no

È stato detto senza girarci troppo intorno: “L’obiettivo è lavorare per introdurre il voto elettronico alle prossime Politiche, cambiando il sistema di voto degli italiani all’estero”. Parola di Giuseppe Brescia (M5S), presidente della commissione Affari Costituzionali di Montecitorio durante il convegno dal titolo E-Vota! ieri alla Camera, confermata dal sottosegretario all’Interno, Carlo Sibilia. Voto elettronico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.