C’è rovesciata e rovesciata. Quella pur sublime di Cristiano Ronaldo (Cr7), in teoria, non è nemmeno avvicinabile a quella di Cp5. Nell’epoca dei diritti di immagine, pagati a peso d’oro, chissà quanti milioni vale e quanti ne avrà fruttati, l’immagine per antonomasia del calcio italiano: la sforbiciata di Carlo Parola, stopper juventino degli anni ’50, disegnata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Chi ci pulisce il bagno è una madre che lotta per i propri figli

prev
Articolo Successivo

L’idea modenese che piace in tutto il mondo (e a Cdb)

next