Provengono da famiglie di modesta condizione sociale ma che non hanno mai avuto problemi con la giustizia, non studiano, non lavorano, sperperano le loro giornate fumando droghe leggere e bighellonando tra i bar e le piazze, i tre ragazzi under 20 fermati l’altro ieri con l’accusa di stupro di gruppo a una 24enne nell’ascensore della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Croce Rossa senza stipendio. Esposto della Lega in Procura

prev
Articolo Successivo

Le nuove star del botteghino da Van Gogh a Caravaggio

next