Quella che il pubblico italiano prova per l’arte non è propriamente fascinazione – quel sentimento di malia che si subisce dinnanzi all’altro da sé – quanto piuttosto un’affezione famigliare: l’arte ci è vicina, ci appartiene. E accanto ai dati positivi degli ultimi anni sugli ingressi nei musei (il 2017 si era chiuso con 50.103.996 visitatori […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Alessandro, Raffaele e Antonio. I tre stupratori dell’ascensore che non studiano e non lavorano

prev
Articolo Successivo

“Il colpevole”, quando (ed è raro) c’è un’idea vera

next