Il rave è finito davvero. E questa volta riprendersi dall’hangover sarà molto più difficile. Keith Flint, cantante, ballerino e frontman dei Prodigy, si è suicidato a 49 anni. La notizia si è diffusa rapidamente ieri mattina, con il ritrovamento da parte della polizia del cadavere dell’artista nella sua casa nell’Essex. L’uscita di scena volontaria è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Luke Perry, l’altro Dylan a segnare una generazione

prev
Articolo Successivo

Eco e “Il nome della rosa”; miracolo tv, altro che “I Medici”

next