La battaglia in nome di Katya, uccisa solo perché voleva legalità

La battaglia in nome di Katya, uccisa solo perché voleva legalità

Kateryna “Katya” Handzyuk, consigliera comunale e attivista anticorruzione, a novembre è morta in Ucraina dopo 96 giorni di agonia: aveva subito un’aggressione con l’acido, che l’ha prima sfigurata, lasciando ustioni tanto gravi da procurarle la morte. Il motivo per cui è stata aggredita, ritengono i suoi amici, è stata la sua attività di denuncia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.