La morte di Sana Cheemaresta senza colpevoli. E la comunità pachistana di Brescia scende in piazza per una manifestazione in ricordo della ragazza uccisa per essersi opposta a un matrimonio combinato. Dopo undici mesi di processo, ieri il giudice Amir Mukhtar Gondal, del tribunale di Gujrat nel Punjab ha assolto per “mancanza di prove certe” […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dalla cucina al call center, vita da Lusi

prev
Articolo Successivo

Bombe a Milano Ovest, il codice dei clan: “Quella è zona vostra”

next