Strangolarono Sana, confessarono il delitto Ma per il Pakistan “mancano prove certe”

Strangolarono Sana, confessarono il delitto Ma per il Pakistan “mancano  prove certe”

La morte di Sana Cheemaresta senza colpevoli. E la comunità pachistana di Brescia scende in piazza per una manifestazione in ricordo della ragazza uccisa per essersi opposta a un matrimonio combinato. Dopo undici mesi di processo, ieri il giudice Amir Mukhtar Gondal, del tribunale di Gujrat nel Punjab ha assolto per “mancanza di prove certe” […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.