La polizia postale di Catania ha aperto un’indagine per dare un nome alla persona che per prima ha diffuso su WhatsApp l’audio hot, inviato privatamente da una ragazza catanese, che adesso si trova sui telefoni di mezza Italia. Una nota vocale dai contenuti spinti inviato dalla giovane a una persona frequentata per un certo periodo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Cuscinetti sui lampioni per “salvare” gli zombie-pedoni dello smartphone

prev
Articolo Successivo

La denuncia del Garante minori: “Minorenne sparita, riportata a Dacca perché troppo integrata”

next