“Derry è in stato di choc. Quelli della mia generazione, quaranta/cinquantenni, sono avviliti e preoccupati. Nessuno, nessuno vuole tornare alla violenza dei Troubles… Ma sui social ho visto ragazzi più giovani esultare per quello che è successo sabato. Non hanno idea di cosa è stato”. Mary è cresciuta a Derry nel periodo dei Troubles, prima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Anno 2030: l’amore è stato abolito (Restano le scorie)

prev
Articolo Successivo

La provocazione di Drouet: la notte dei Gilet gialli

next