Gli attivisti, le associazioni cattoliche e alcuni intellettuali pongono una questione etica: nessuno deve morire nel Mediterraneo, anche se questo significa andare a prendere sulla costa chi parte dalla Libia e non rispedire indietro nessuno, perché la Libia non è un porto sicuro e perché non ci può essere giustificazione a rinchiudere i disperati in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Calenda e il miracolo dell’accozzaglia

prev
Articolo Successivo

Toh, riecco Gozi: l’uomo dalle idee giuste per gli altri

next