“Le intercettazioni, nate nel processo de L’Aquila che parte dall’indagine su illeciti commessi nella ricostruzione post-terremoto in Abruzzo, appaiono pretestuosamente puntate su Massimo Ciancimino nel momento in cui stava diventando un teste chiave nel processo ‘Trattativa’”. È un’arringa difensiva che ricorda una requisitoria dell’accusa, quella ascoltata ieri dai giudici della IX sezione del Tribunale penale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sangue infetto, Poggiolini verso l’assoluzione: “Falle di sistema, non può essere l’unico a pagare”

prev
Articolo Successivo

Assunzioni clientelari all’Ama, ora c’è chi spera nel reintegro

next