Dopo la sentenza della Corte dei Conti che ha assolto Franco Panzironi, accusato di un danno erariale di 1,7 milioni di euro, ora i licenziati della Parentopoli romana sperano nel reintegro. Dei 38 lavoratori assunti fra il 2008 e il 2009 dall’allora amministratore delegato di Ama Spa – la società che raccoglie i rifiuti nella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’avvocato Ingroia attacca i pm: “Indagini pretestuose contro Massimo Ciancimino”

prev
Articolo Successivo

Franco è “vivo” e lotta con loro

next