» Cronaca
martedì 22/01/2019

Visso, indagato il sindaco-senatore della Lega. “Scomparse le donazioni pro-terremotati”

Giuliano Pazzaglini, sindaco di Visso (Macerata), uno dei paesi più importanti del cratere del terremoto, divenuto senatore della Lega grazie alle denunce sulla “ricostruzione lenta e lacunosa” leitmotiv della campagna elettorale, è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Macerata per vari reati contro la Pubblica amministrazione legati a donazioni post sisma 2016 per un ammontare di decine di migliaia di euro che mancherebbero all’appello. Mancherebbero all’appello anche due consistenti donazioni di Emil Banca di Bologna. In questo primo filone gli viene contestato il reato di peculato. Riguarda la somma di 11.800 euro di una iniziativa di beneficenza organizzata da Moto Nardi “In moto per ricostruire” a favore dei commercianti, di cui non vi è traccia. Soldi in contanti consegnati al sindaco in Comune dal titolare, Vincenzo Cittadini.

Il senatore, alcuni mesi fa, ha reso dichiarazioni spontanee in presenza dell’avvocato Giuseppe Villa che lo difende con l’avvocato Giancarlo Giulianelli di Macerata, legale anche di Luca Traini, il simpatizzante di CasaPound e di Forza Nuova, candidato della Lega alle Amministrative 2017, condannato a dodici anni per strage con l’aggravante razzista per aver sparato a Macerata ferendo sei immigrati per “vendicare l’omicidio di Pamela Mastropietro”, del quale sono accusati alcuni spacciatori nigeriani. Ma entrambi gli avvocati, da noi sentiti, negano di difendere il senatore Pazzaglini a cui, dopo le dichiarazioni spontanee ritenute evidentemente non credibili, il 14 gennaio scorso è stato notificato l’atto di sequestro preventivo del conto corrente. “Non ho percepito la somma in qualità di sindaco, di pubblico ufficiale, bensì come privato cittadino, come custode della somma – si è difeso Pazzaglini – e l’ho utilizzata alla bisogna per lavori in economia alle casette nell’area Laghetto di Visso”. E la rendicontazione? “È in un file che al momento non trovo”.

Al senatore è stata anche notificata la proroga delle indagini riguardanti gli altri reati contestati, i cui termini scadranno fra un mese. Indagato anche Giovanni Casoni che Pazzaglini ha portato con sé in Senato come assistente dopo che era stato costretto a dimettersi da presidente della Croce Rossa locale a seguito dell’inchiesta del Fatto che aveva rivelato che Pazzaglini era socio di Casoni nella Sibyl Project per il confezionamento di cesti con prodotti tipici acquistati dai produttori locali da rivendere sul mercato con la scritta “Ripartiamo da qui… Pacco solidale Sisma”. Una normale attività commerciale, finalizzata al profitto, certamente, se non fosse che la scritta sui pacchi lasciava intendere che acquistarli equivalesse ad aiutare i terremotati oltre al fatto che i soggetti interessati all’affare erano il sindaco e il presidente della Croce Rossa. Il Fatto aveva anche rivelato la storia di sei casette di legno donate a Visso dai Comuni di Meolo (Venezia) e Taino (Varese) transitate nelle società del senatore e di Casoni attraverso operazioni opache a cui si è aggiunto un corposo esposto di cittadini sulle donazioni.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Il delitto del 2014

Uccisero bimbo di tre anni, doppio ergastolo a Cosenza

La Corte d’Assise di Cosenza ha condannato all’ergastolo Faustino Campilongo detto “panzetta” e Cosimo Donato detto il “topo”, sono accusati di triplice omicidio: del piccolo “Cocò” Campolongo, il bambino di 3 anni ucciso assieme al nonno e alla compagna marocchina di quest’ultimo il 16 gennaio 2014, quando i corpi delle tre vittime furono trovati a Cassano allo Jonio, carbonizzati all’interno di un’auto data alle fiamme. Carcere a vita e isolamento diurno per sei mesi. È questa la sentenza emessa su richiesta del procuratore aggiunto di Catanzaro Luberto che, durante la requisitoria, aveva ricostruito la dinamica e il movente del delitto maturato nell’ambiente del traffico di droga gestito dalla cosca Abruzzese. Pur essendo imparentato con gli esponenti della famiglia mafiosa, il nonno di Cocò (Giuseppe Iannicelli) da mesi era un bersaglio perché si sarebbe rifornito dai rivali. Iannicelli si faceva accompagnare sempre dalla compagna e dal nipotino utilizzati come “scudi umani”. Sul fatto di sangue, nel 2014 intervenne anche Papa Francesco in occasione della visita a Cassano allo Jonio dove, davanti a 250 mila fedeli, il Pontefice scomunicò i mafiosi.

Cronaca

Quei due ufficiali e la scomparsa dell’agenda rossa

Cronaca

Sangue infetto, Poggiolini verso l’assoluzione: “Falle di sistema, non può essere l’unico a pagare”

“Bergoglio era il confessore del prete pedofilo Grassi”
Cronaca
l’intervista - Juan Pablo Gallego

“Bergoglio era il confessore del prete pedofilo Grassi”

di
“Bambino nero sei brutto, girati”. Accuse a un maestro elementare. Il Miur: “Sospeso in via cautelare”
Cronaca
Foligno - La difesa: “Esperimento sociale”

“Bambino nero sei brutto, girati”. Accuse a un maestro elementare. Il Miur: “Sospeso in via cautelare”

di
Fatture false e truffa al Comune. Sette arresti per il cantiere e i lavori infiniti in via Marina
Cronaca
Napoli - L’inchiesta della Guardia di Finanza

Fatture false e truffa al Comune. Sette arresti per il cantiere e i lavori infiniti in via Marina

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×