Prima gli hanno messo le manette ai polsi e poi lo hanno legato ai piedi con una corda per fermarne i calci. Subito dopo Arafat Arawi, 31 anni di origine tunisina, è morto per un arresto cardiaco. La tragedia è avvenuta giovedì sera nel centro di Empoli dove il titolare di un money transfer aveva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Brexit in stallo: May rischia elezioni anticipate

prev
Articolo Successivo

Crollo della torre del porto: assolto in appello il pilota della nave che urtò l’edificio

next