“Alungo sono stato convinto che si potessero fare incontri veri soltanto per strada”. Di quali strade parliamo? Quelle di Parigi, più di mezzo secolo fa, quando il vecchio mondo sembrava trattenere il fiato un’ultima volta prima di crollare. Il tempo che il giovane Jean – protagonista e voce narrante – predilige è quello sospeso, prima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Marcello Fonte, da Cannes all’India (di Roma): “Ho molta fede, seguo la vita”

prev
Articolo Successivo

Balistreri invecchia e soffre di amnesie: l’unica terapia è cercare i “mostri”

next