Da paladini anticlan al concorso esterno: la parabola discendente degli imprenditori “modello”

Armando, Antonio e Nicola Diana
Da paladini anticlan al concorso esterno: la parabola discendente degli imprenditori “modello”

Da testimonial dell‘antimafia, con tanto di Fondazione che assegna borse di studio a giovani svantaggiati, all’arresto per concorso esterno in associazione camorristica. È la parabola di tre imprenditori di Casapesenna (Caserta), ovvero Armando Diana e i nipoti Antonio e Nicola Diana, questi ultimi figli di Mario, ritenuto vittima innocente 30 anni fa di un agguato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.