Qualcuno dirà che è normale, fa parte del gioco. Quando muore un artista a distanza di anni, o di mesi poco importa, spuntano inevitabilmente gli “inediti”. Cose che ascoltandole ti sorge da subito il dubbio che lo stesso autore le avesse relegate in fondo a un cassetto vergognandosene un po’. Il marketing, con sprezzante indifferenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La “Dama” del non-Leonardo e la scoperta delle fake news

prev
Articolo Successivo

Sorrentino, un Papa si aggira per Venezia

next