“La Digos è arrivata in ufficio”, denunciano gli impiegati dell’anagrafe di Palermo, che all’Ansa raccontano nei dettagli le domande degli uomini in divisa: “Hanno chiesto cosa accade quando vogliamo regolarizzare la posizione di un richiedente asilo e quali sono le procedure che stiamo seguendo”. Ma la smentita della Questura arriva dopo qualche ora, a stretto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Roma e Malta litigano, navi ancora in mare (e al freddo)

prev
Articolo Successivo

Sea Watch: “Di Maio? L’offerta italiana non è credibile”

next