È difficile pensare a qualcosa di più odioso di uno Stato che non rispetta i diritti umani, discrimina le donne e fa (letteralmente) a pezzi gli oppositori politici dopo averli invitati nelle proprie ambasciate, come è accaduto al giornalista saudita Jamal Khashoggi. Per questo, a prima vista, potrebbe risultare giusta e sensata l’alzata di scudi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un po’ caligola un po’ Ulisse: Renzi è tornato

prev
Articolo Successivo

Bindu e Kanaka: non è solo una questione di donne

next