Bindu Ammini e Kanaka Durga, entrambe poco più che 40enni, non potrebbero essere più diverse: docente universitaria, attivista politica e “dalit” (di casta bassa) la prima. Impiegata statale e di una famiglia di casta alta, la seconda. Sono loro che, all’alba del 2 gennaio, hanno fatto la Storia, entrando per prime nel tempio hindu di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Supercoppa a Riad, l’ipocrisia di chi grida allo scandalo

prev
Articolo Successivo

Così Whatsapp veicola pornografia infantile e guadagni

next