Lo smartphone vibra: una, due, tre volte. Qualcuno ha inviato un messaggio su un gruppo di Whatsapp, l’applicazione di messaggistica acquisita da Facebook nel 2014 e utilizzata da 1,5 miliardi di utenti nel mondo. Il gruppo permette di chattare con più persone, è stato creato per condividere gli stessi interessi. Problema: uno di questi è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Bindu e Kanaka: non è solo una questione di donne

prev
Articolo Successivo

La Cina mette in crisi Apple: pochi iPhone e crollo in Borsa

next