Così Whatsapp veicola pornografia infantile e guadagni

Il report - Mille video e foto sui gruppi pubblici della app acquistata da Zuckerberg. E nessuno se n’è accorto
Così Whatsapp veicola pornografia infantile e guadagni

Lo smartphone vibra: una, due, tre volte. Qualcuno ha inviato un messaggio su un gruppo di Whatsapp, l’applicazione di messaggistica acquisita da Facebook nel 2014 e utilizzata da 1,5 miliardi di utenti nel mondo. Il gruppo permette di chattare con più persone, è stato creato per condividere gli stessi interessi. Problema: uno di questi è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.