Alle undici di mattina, a Serino (Avellino) le strade sono deserte. Anche prendere un caffè dalle parti del municipio risulta complicato. Il bar di fronte al Comune è chiuso, mentre in un altro il titolare è uscito lasciando i clienti al bancone. È un giovedì come tutti gli altri per gli abitanti di Serino, gente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il codice Berlusconi o della genialità del male

prev
Articolo Successivo

“Essere presunti innocenti non autorizza tutto”

next