La sera del 27 maggio 1935, al largo della Rupe di Orrico, ad Anacapri, non lontano dalla Grotta Azzurra, un barcaiolo rinvenne il cadavere di una donna. Si scoprì che si trattava della poetessa inglese Pamela Reynolds, vent’anni compiuti da poco. Apprezzata da Benedetto Croce, e abituata a frequentare nella sua villa scrittori e uomini […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Terrore per il ritorno dell’Unione Sovietica

prev
Articolo Successivo

Fatto a mano di Natangelo

next