“Troppo bella per morire”: svolta nel cold case fascista

Pamela Reynolds - La poetessa inglese, star della Capri anni Trenta, volò giù da una rupe: suicidio o piano all’ombra di spie e complotti?
“Troppo bella per morire”: svolta nel cold case fascista

La sera del 27 maggio 1935, al largo della Rupe di Orrico, ad Anacapri, non lontano dalla Grotta Azzurra, un barcaiolo rinvenne il cadavere di una donna. Si scoprì che si trattava della poetessa inglese Pamela Reynolds, vent’anni compiuti da poco. Apprezzata da Benedetto Croce, e abituata a frequentare nella sua villa scrittori e uomini […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.