È sfida aperta fra Israele e Airbnb, il colosso mondiale online per gli affitti di case-vacanze per brevi periodi. Dopo un’attenta valutazione l’amministrazione del portale ha deciso di rimuovere gli annunci di “host” che offrono alloggi in Cisgiordania, oltre la Linea Verde, nei Territori palestinesi occupati nel 1967, quelli oggetto del negoziato di Oslo sui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dolce&Gabbana: seduta di autocritica politica mentre contano i miliardi persi

prev
Articolo Successivo

Gramellini si scusa (a modo suo)

next