Le parole sono fatti e i fatti non li puoi interpretare. Se tu dunque scrivi, come ha fatto l’altroieri Massimo Gramellini nella sua rubrica sul Corriere della Sera, che “ha ragione chi pensa, dice o scrive, che la giovane cooperante milanese rapita in Kenya avrebbe potuto soddisfare le sue smanie d’altruismo in qualche mensa nostrana […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’addio di Airbnb ai Territori offende palestinesi e israeliani

prev
Articolo Successivo

Cinepanettone dei bei tempi: si scrive 2018, si legge 2005

next