Il “metodo Varriale” esiste ancora. A distanza di quasi venti anni dai volantini disseminati a Napoli per calunniare il giovane pm Raffaele Cantone che indagava sulla compagnia assicurativa Themis e sui miliardi di lire dirottati su conti a lui riconducibili, ieri hanno di nuovo arrestato l’avvocato Lucio Varriale. Stavolta nella qualità di editore di fatto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Sui social gli ultrà mi augurano la morte”

prev
Articolo Successivo

Tav, tutte le inesattezze nei numeri del commissario

next