“Ma è proprio certo dell’intervista con me?”. Sì, perché? Fabio De Luigi, sornione senza malizia, quando risponde non ama mai la strada breve, spesso si inerpica su ragionamenti articolati con sfumature astratte; per molte donne è un sex symbol nonostante un suo perenne e reale stupore e nonostante non abbia quasi nessuna classica caratteristica del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’“adultero calvo” che sedusse Roma

prev
Articolo Successivo

Le avventure dell’ometto invisibile

next